alessi_juicy_salif

Lo Spremiagrumi di Alessi

Lo Spremiagrumi di Alessi

Molti anni fa, persino Umberto Eco, in una delle sue settimanali “Bustine di Minerva”, lo descrisse come un oggetto di grande fascino ma totalmente privo di utilità, perché, solo per citare uno dei suoi limiti “pratici”, i noccioli delle arance finiscono direttamente nel bicchiere della spremuta e li devi togliere uno a uno.

Come Umberto Eco la pensano in tanti, ma nessuno riesce a negare che lo spremiagrumi di Alessi, realizzato nel 1990 da uno dei Designer cult contemporanei, Philippe Starck, sia uno straordinario esemplare di Design moderno, di arte contemporanea, un perfetto connubio tra Design e tecnologia.

A guardarlo sembra un semplice oggetto, quasi privo di significato e anche scomodo; in realtà, questo utensile ha fatto la storia del Design italiano, di cui è considerato, a distanza di un quarto di secolo dalla sua nascita, una delle sue massime espressioni, ed è ancora oggi vissuto come un elemento casalingo al pari di altri elettrodomestici, dei quali ormai non si può fare a meno come la lavastoviglie, la lavatrice o il forno a microonde.

Un utensile sicuramente fondamentale per rafforzare una partnership nata nel 1986, quella tra il gruppo Alessi e Philippe Starck, il Designer francese creatore di alcuni oggetti tra i più apprezzati del Design internazionale, come appunto lo spremiagrumi da lui stesso ribattezzato Juicy Salif.

“Con la sua inconfondibile forma ragnesca, il corpo affusolato e le lunghe zampe curve, Juicy Salif è davvero un incredibile spremiagrumi; ed è stato creato proprio nel nostro Paese”: un oggetto davvero insolito ma unico nel suo genere.

Come tutte le migliori “opere” di Design, anche lo spremiagrumi fu subito soggetto a critiche o ad apprezzamenti, dividendo nettamente critici e opinione pubblica; in pochi, inizialmente, avrebbero scommesso sull’importanza di un oggetto simile, apparentemente insignificante. Ma, con il tempo, in molti si sino resi conto che ci si trovava di fronte a una creazione davvero originale, con punte di genialità.

Alcune persone però si resero subito conto del “tranello”, se così vogliamo chiamarlo, che questo elettrodomestico poteva riservare: ovvero, la sua incapacità di… spremere! Un’affermazione che potrà far sorridere, un oggetto creato apposta per spremere i frutti che invece non spreme, un prodotto che sembra creato con la sola funzione di essere un soprammobile.

In effetti, osservandolo bene, ci si accorge che è privo di manici, il che rende impossibile ruotare correttamente il frutto sulla sua punta e con quelle sue “zampe” risulta anche abbastanza instabile: apparentemente un disastro, ma uno dei disastri più eleganti di tutto il Made in Italy. D’altronde, il suo stesso ideatore Starck lo ha definito “un pezzo di maestria della provocazione e del Design.

Juicy_Salif_-_78365Ma allora che cos’è questo spremiagrumi? Cominciamo col dire che è tutto tranne che un utensile da cucina; o meglio, sicuramente qualcosa che ricopre un ruolo cruciale nell’esaltare una tematica attualissima, quella dei cibi biologici: spremere dei frutti per ottenere un succo al naturale, alternativa costosa e non sempre praticabile, ma sicuramente da preferire ai succhi nei cartoni o nelle bottiglie di plastica, ricchi di conservanti e coloranti.

La vera e propria definizione di questo straordinario oggetto è dello stesso Starck che ammette:

“Juicy Salif non è uno spremiagrumi, ma un oggetto di conversazione”.

Solo un vero protagonista del Design riesce a dare a strumenti all’apparenza insignificanti una definizione così profonda; ovviamente c’è chi ritiene che Philippe Starck abbia parlato così dello spremiagrumi essendone egli stesso l’ideatore, ma di sicuro non è il solo a pensarla così, altrimenti il Juicy Salif non farebbe parte della collezione del MoMA, il Museo di Arte Moderna di New York.

Un oggetto dal grande successo di pubblico e di critica, che ha portato alla realizzazione di serie “esclusive” e limited edition, come quella da migliaia di pezzi laccati in oro: all’apparenza pacchiana, fa parte delle edizioni limitate che hanno incuriosito molto i professionisti del settore.

Può essere difficile pensare che un utensile creato per svolgere un compito preciso abbia avuto un incredibile successo pur essendo completamente inutile e privo delle capacità di svolgere quella determinata funzione; un oggetto che dalla cucina, posto nel quale si dovrebbe trovare, è passato a occupare le mensole di un soggiorno, in piena vista; persone che necessitano realmente di uno spremiagrumi degno di questo nome mai comprerebbero il Juicy Salif, preferendone magari uno meno bello esteticamente o meno ricercato, ma utile in cucina, un oggetto più “pratico”, con minore contenuto di Design; altre persone sono in realtà ben consapevoli che stanno comprando prevalentemente un semplice soprammobile, ma lo ritengono comunque un acquisto di qualità.

Il “vantaggio” di un prodotto come questo, apparentemente instabile e poco funzionale (richiede molta capacità di pressione nell’utilizzo, ragion per cui può risultare scomodo), in realtà risiede nel suo essere indistruttibile e facilissimo da pulire. La sua durata potenzialmente illimitata può però giustificare il suo prezzo decisamente elevato, essendo un prodotto infatti destinato a una fascia di compratori medio-alta.

Lo spremiagrumi Juicy Salif di Alessi è quindi un prodotto che unisce integrità al Design, molto vicino al concetto di opera d’arte; arreda la cucina, occupa poco spazio ed è indistruttibile; pur essendo poco pratico (è uno strumento manuale che necessita di molta forza), risulta comunque semplice da usare; si vende bene sul mercato,

la sua presenza nell’arredo di una casa fa certamente la differenza, eleva la qualità dell’ambiente, che sia la cucina o il soggiorno.

Scegliendo Juicy Salif si preferisce la qualità e l’eleganza all’anonimato, compiendo la scelta giusta per trasformare la propria casa in un ambiente ricercato e ricco di Design contemporaneo.

 

 

 

Condividi con i tuoi amici su:

FacebookTwitterGoogleVkontakteTumblrStumbleUponLinkedInRedditPinterestPocketDiggDeliciousOdnoklassniki


Posted in Icone Made in Italy.